Jump to content







Ultimi Prodotti

Account Premium 1 Anno
L'account premium ti darà diritt...
€ 24.40
Global Header
Banne presente nella Header dell...
€ 12.20


- - - - -

Le Reflex Capitolo 2.7: Sensibilità ISO

Innanzitutto occorre dare una definizione del termine ISO, che rappresenta lo standard internazionale di misurazione della sensibilità di una pellicola fotografica. Più questo valore è alto, maggiore è la sensibilità della pellicola alla luce che la colpisce. In parole più semplici, quando il valore ISO è alto è necessaria poca luce per riuscire ad impressionare la pellicola al fine di ottenere una foto correttamente esposta. Questo indice è utilizzato anche per le reflex digitali, applicandolo però alla sensibilità del sensore, che solitamente spazia da 200 a 3200 ISO e che si può espandere verso l'alto o verso il basso (100 o 6400 ISO e oltre).
Portando degli esempi pratici, in una situazione di buona luminosità, impostando la sensibilità ISO a 200, si ottiene un ottimo scatto; viceversa, in una situazione notturna, o in cui si stanno utilizzando tempi di posa brevi o aperture del diaframma ristrette, si ottiene un buon risultato impostando un livello ISO più alto che permette di sfruttare al massimo la poca luce disponibile. Nella seconda ipotesi, quindi con il valore ISO alto, i tempi di posa brevi e l'apertura del diaframma ristretta, si ottiene un buon aumento della profondità di campo, ma più la sensibilità ISO è alta maggiore è il rischio del fenomeno del rumore digitale.

Dal punto di vista pratico l'impostazione della sensibilità ISO varia da corpo macchina a corpo macchina. Su alcune reflex digitali vi è un apposito pulsante che va tenuto premuto mentre si ruota la rotella di controllo, su altre vi si accede attraverso i menu o lo schermo LCD. In alcune modalità però, come Auto, Scene e Program, il valore ISO viene impostato direttamente dalla fotocamera in base alle altre impostazioni scelte. Si è parlato di rumore digitale ed è opportuno chiarirne il concetto. Si tratta di un disturbo elettrico causato dalla quantità di pixel disposti a stretto contatto sulla superficie del sensore, visibile nell'immagine sotto forma di macchioline colorate o granulosità. Ne soffrono maggiormente le fotocamere compatte poiché sono dotate di sensori fisicamente più piccoli e di conseguenza la densità dei pixel è più elevata.


0 Commenti