Jump to content







Ultimi Prodotti

Account Premium 1 Anno
L'account premium ti darà diritt...
€ 24.40
Global Header
Banne presente nella Header dell...
€ 12.20


- - - - -

Recensione ProLight-Equipment Kit

Qualche mese addietro vengo a sapere tramite Officine Fotografiche di una linea dedicata all'illuminazione denominata ProLight-Equipment e ne pubblico notizia, in tempo record vengo contattato dai suoi creatori, che scopro essere dei ragazzi di Roma, per ottenere una recensione del loro kit di "attacco". In breve tempo mi vedo recapitare un grosso scatolone con dentro diverso materiale, due monotorce di differente potenza ed i relativi stativi, un soft-box 40x80, 2 ombrelli dalle caratteristiche differenti ed un borsone per contenere il tutto. Il kit nasce per invogliare anche il fotografo non professionista, diciamo il "fotoamatore evoluto" o magari il fotoclub a dotarsi di una strumentazione valida per attrezzare un piccolo studio in cui spaziare dal ritratto al glamour. ProLight-Equipment offre il kit, che ovviamente andremo ad esaminare in dettaglio, ad un prezzo al di sotto dei 600 euro.
Monotorcia S/125 & S/300
Il cuore del kit proposto da ProLight-Equipment sono ovviamente le due monotorce, apparecchi che in un unico corpo pesante meno di 3kg includono il generatore, l'elettronica di controllo, la lampada flash e quella pilota. Nella parte anteriore delle due monotorce troviamo la lampada circolare del flash già montata e l'attacco per la "luce pilota", una lampada alogena da 150W. La luce pilota può essere accesa a piena potenza o regolata proporzionalmente a quella flash, il suo scopo principale è quello di dare un'idea di come agirà il flash ed ovviamente è utile anche come sussidio all'autofocus, nel caso la luce ambientale sia inadeguata. Da buon fotoamatore mi vengono in mente anche altri usi per la lampada pilota, in fondo 150W non sono pochi, si potrebbero utilizzare da soli con un alta impostazione ISO o magari con un treppiedi e tempi adeguati per illuminare uno still-life o delle scene destinate al mercato stock.
Attorno alle lampade troviamo l'attacco per gli accessori principali, nel nostro caso troviamo già montata una parabola piccola, segue un bank 40x80 come seconda ed unica opzione. Sul sito del produttore è ovviamente possibile acquistare altri accessori e naturalmente i tubi flash di ricambio; immagino comunque che quelli in dotazione abbiano una buona durata.

Sul corpo delle monotorce troviamo alcune feritoie che permettono alla ventola interna di fare il suo lavoro e, arrivati quasi alla parte posteriore, troviamo in cima una cupola trasparente che protegge la fotocellula, necessaria per sincronizzare lo scatto con quello del flash sulla macchina o di un'altro flash, senza utilizzare il cavo syncro.

Arriviamo infine alla parte posteriore delle monotorce, dove sovrastato da una comoda impugnatura si trova il pannello di controllo. Qui troviamo il connettore per il cavo di alimentazione ed il fusibile di protezione; in dotazione troviamo un cavo che ad occhio mi sembra di 5 metri. In dotazione anche un cavo da inserire nella presa Syncro del pannello posteriore e quindi nell'apposito connettore sulla fotocamera, se presente.

Troviamo quindi il pulsante di accensione, che attiva il generatore e la relativa ventola di raffreddamento, quello per attivare il "cicalino" di conferma dell'avvenuto lampo, il tasto per attivare la fotocellula, quello per la luce pilota ed infine il pulsante "test"; indovinate un po' a cosa serve... Chiude la carrellata di controlli la manopola per regolare la potenza del flash, che sulla S/300 è accompagnato da un display a due cifre con l'indicazione di potenza in F-stop.

Una nota sul tasto per la luce pilota, questo ha 3 posizioni differenti, spenta, accesa con potenza proporzionale a quella del flash (manopola suddetta) ed accesa a piena potenza. Quando si trova sulla posizione "piena potenza" la luce pilota rimane accesa a prescindere dallo stato dell'interruttore principale; in pratica si può usare la monotorcia come un faretto da studio, quando non serve il flash, senza scomodare inutilmente l'elettronica di controllo ed il relativo generatore a seguito.

Stativi 4 sezioni H280
A sostegno delle monotorce troviamo nel kit due stativi in alluminio a 4 sezioni con sistema "Air Cushion" che impedisce ad ogni sezione di scendere troppo velocemente quando viene sbloccata, col pericolo di danneggiare la monotorcia; in pratica un sistema pneumatico fa defluire l'aria lentamente ammortizzando ed evitando la "caduta".


Soft-box 40x80
Smontando la parabola in dotazione (si tira una levetta, si ruota di qualche grado e via) si può applicare il Soft Box alle due monotorce. Il Soft Box del kit è un 40x80cm, ideale per ritratti e mezzi busti, con un po' di buona volontà e la creatività di un fotoamatore può servire anche per altre generi di fotografia.
Ovviamente arriva smontato per occupare meno spazio, all'interno del suo scatolo troviamo il raccordo di alluminio da agganciare alle monotorce, su cui vanno applicate le quattro bacchette che tendono il telo principale, seguono poi un telo interno ed uno esterno, entrambi bianchi.Il kit non contiene spiegazioni, ed in effetti in generale non è che vi sia molto da spiegare, l'unica cosa in cui ho trovato un attimo di smarrimento è stato questo soft-box; apparentemente le bacchette sembrano non potersi piegare sino a raggiungere la forma voluta, in realtà lo fanno benissimo ma ci vuole un attimo di pazienza per sistemarle una ad una e sopratutto per inserire l'ultima, che ha un meccanismo di blocco per tendere bene il tutto. Su YouTube comunque sono presenti dei video in cui i ragazzi della ProLight montano un po' tutto quello disponibile in catalogo; la spiegazione è abbastanza chiara e con evidenza dei passaggi più impegnativi.
Ombrello bianco/nero riflettente da 36 pollici
Chi non ha mai visto almeno una volta i simpatici ombrellini da studio andando a farsi una fototessera? Ebbene l'oggetto in esame è praticamente un ombrello senza manico, che si apre e si chiude allo stesso modo di quelli comuni, dotato di superficie esterna nera ed interna bianca.
Lo montate sulla monotorcia, facendolo passare nell'apposito foro nella parabola in dotazione, puntate il tutto verso l'alto ed ecco che al momento dello scatto l'ombrello diffonderà la luce del flash come... una pioggia.
Più avanti vedremo in che modo l'ho usato ed i risultati ottenuti.
Ombrello bianco trasparente da 36 pollici Il "soft-brello", insomma un ombrello con una copertura bianca molto leggera che si usa in maniera opposta al precedente; in pratica lo si monta sulla monotorcia, si dirige la stessa sulla stupenda modella che ci sta aspettando e si scatta lasciando che il sottile telo smorzi e diffonda l'illuminazione evitando di friggere il soggetto.
Nella pratica ne ho fatto un uso simile a quello del Soft Box, più avanti vedremo le differenze e relativi pregi/difetti delle due soluzioni.
Borsa orizzontale con tracolla
Capiente e rigida, la borsa in dotazione è imbottita come una per macchine fotografiche, al suo interno trova posto tutta l'attrezzatura in dotazione e rimane un po' di spazio a disposizione per aggiungere altro, volendo una reflex dovrebbe starci.
Gli stativi non entrano completamente nella borsa, ma ne escono per una quindicina di centimetri, questo per una scelta della ProLight di fornire gli stativi più alti possibili e quindi potenzialmente più versatili.

Conclusioni
La fotografia si basa sulla luce, mettete da parte un'attimo gli intenti per un nuovo obiettivo od un nuovo corpo macchina e pensate al genere che vi piace fotografare; se questo genere tiene conto di una o più modelle/i ed un set che si svolge in interni, forse è il caso di considerare seriamente l'acquisto di un kit come quello proposto da Prolight.
Queste monotorce sono semplici da usare, molto versatili e non dovete stare appresso alle batterie. Credo che, con ritardo devo ammettere, entreranno molto preso a far parte del mio corredo.
Considerando infine il lato economico, c'è da dire che con un minimo di cure, lampade a parte, un'attrezzatura del genere dovrebbe durare praticamente una vita, consideratelo quindi un investimento duraturo, al contrario per esempio dei corpi macchina, che vengono aggiornati praticamente ogni anno, offrendoci sempre nuove tentazioni.

Ringraziamo Photorevolt per la notizia.
  • Galaxy77 ha messo Mi Piace


0 Commenti