Jump to content





Discussioni Recenti



Ultimi Prodotti

Account Premium 1 Anno
L'account premium ti darà diritt...
€ 24.40
Global Header
Banne presente nella Header dell...
€ 12.20


- - - - -

David LaChapelle vince la sentenza preliminare contro Rihanna

La corte federale distrettuale statunitense della città di New York si è rifiutata di respingere la richiesta dei diritti d'autore di David LaChapelle contro la cantante pop Rihanna per un video musicale di quest'ultima, in cui comparivano scene presumibilmente copiate da diverse immagini di LaChapelle. Ciò significa che il fotografo può ora andare a processo.
LaChapelle aveva presentato una denuncia nel mese di febbraio (ne avevo parlato qui), sostenendo che alcune scene del video per il singolo di successo di Rihanna chiamato "S & M" erano estrazioni di immagini sadomaso, che lui aveva creato e pubblicato nel corso degli anni. Secondo la rivendicazione di LaChapelle, Rihanna ha chiesto a svariati registi di creare un video in stile "LaChapelle-esque" per il suo singolo "S & M" ed ha fornito una storyboard per il video che di fatto incluse le stampe di alcune delle fotografie di LaChapelle.

Nella sua sentenza pre-processuale, la corte, in accordo con il giudice, ha stabilito che il reclamo per la violazione di copyright che LaChapelle aveva fatto era plausibile, perché il video è sembrato che copiasse gli elementi tutelabili delle sue immagini. Gli elementi tutelabili non sono l'idea e l'oggetto, ma sono costituiti da fattori che contribuiscono alla originalità o all'espressione del soggetto, come il set, l'armadio, l'illuminazione, l'angolazione della telecamera, l'umore, ecc.

Per esempio, la Corte ha sottolineato che sia la scena della stanza rosa e sia la fotografia di LaChapelle raffigurano entrambe la figura della donna dominante sull'uomo in una scena domestica. Questo soggetto naturalmente non può essere protetto, perché appartiene al concetto di sadomasochismo. Ma il modo particolare in cui il video di Rihanna ritrae le scene, compreso il set, il guardaroba, l'umore generalmente frenetico e l'illuminazione, è stato "sostanzialmente simile" alle immagini LaChapelle, anche se tutti i dettagli non erano identici.

Il giudice Shira A. Scheindlin ha scritto nella sua decisione che entrambe le opere condividono lo stato d'animo frenetico e surreale delle donne che dominano gli uomini in uno spazio domestico ipersaturato e claustrofobico. Così, un osservatore ordinario può anche trascurare le eventuali differenze e riguardano l'estetica delle "Facce a righe" e la "Scena della Sala Rosa" come fossero la stessa cosa.

Il giudice è giunto a questa conclusione dopo aver confrontato altre scene del video con altre particolari immagini di LaChapelle.

Il giudice ha respinto la difesa di Rihanna, secondo la quale l'utilizzo del video in quei termini poteva essere assimilato al concetto di Fair Use e le motivazioni erano che era un'associazione completamente fuorviante e inutile. Il giudice si è anche meravigliato del fatto che una cantante pop come Rihanna non avesse trovato una motivazione più plausibile.

Ma il giudice Scheindlin ha anche respinto alcuni reclami fatti da LaChapelle, come la violazione del tipo di abbigliamento e la concorrenza sleale. Quelle affermazioni erano basate sulla tesi di LaChapelle secondo la quale il pubblico avrebbe confuso il video di Rihanna "S & M" come se fosse un suo lavoro. Per la corte LaChapelle doveva semplicemente reclamare i suoi diritti d'autore, senza fornire prove sufficienti per sostenere le sue richieste aggiuntive.

Con i reclami per il copyright chiariti nel processo, il giudice ha fissato una conferenza pre-processuale per il 10 Agosto.

Ora tocca a Rihanna decidere se vale la pena correre il rischio e le spese per la difesa di fronte a una giuria contro le pretese di diritti d'autore di LaChapelle, o tentare di risolvere la situazione al di fuori dei tribunali.


Fonte: 1 & 2


0 Commenti